Lectio Magistralis

19/11/2017 – Michel Comte – “Transition”

4359236389_7da6b11ac5_o
APPUNTAMENTO CON UN ALTRO OSPITE INTERNAZIONALE PER LE
LECTIONES MAGISTRALES ORGANIZZATE DA AFIP INTERNATIONAL:
DOMENICA 19 NOVEMBRE PRESSO LA TRIENNALE DI MILANO.
INSIEME A GIOVANNI GASTEL E UNO SPECIAL GUEST

Milano, 9 novembre 2017 – A soli tre giorni dall’incontro con Joan Fontcuberta, un altro imperdibile appuntamento con uno dei più importanti fotografi al mondo: domenica 19 novembre presso La Triennale di Milano, Michel Comte terrà, infatti, la lectio magistralis “Transition” in conversazione con Giovanni Gastel e uno special guest, per il ciclo Fotografia e dintorni organizzato da AFIP International – Associazione Fotografi Italiani Professionisti in collaborazione con CNA Professioni.

Michel Comte parlerà della propria esperienza, un percorso che l’ha portato dieci anni fa ad interrompere la sua carriera di fotografo di moda per immergersi nell’arte contemporanea e dare vita ad un progetto unico: Light, questo il titolo, è un’installazione multimediale d’arte contemporanea, in mostra presso il Museo MAXXI di Roma e presso La Triennale di Milano a novembre, che esplora l’impatto del declino ambientale e del cambiamento climatico. Comte ha condotto uno studio recandosi più volte nel corso degli anni in remoti paesaggi glaciali e attraverso fotografie, video, proiezioni e sculture racconta le alterazioni e la graduale scomparsa di un patrimonio naturale mozzafiato, restituendone la bellezza, la forza e al contempo la fragilità.

Una testimonianza dunque intrisa di verità, un dibattito anche su come l’arte e la fotografia possano assumere un ruolo di denuncia e di appello, richiamando l’attenzione su temi quanto mai attuali.

Michel Comte nasce a Zurigo, in Svizzera. Studia in Francia e Inghilterra e inizia la sua carriera come restauratore specializzato in arte contemporanea. Lavora con Andy Warhol e Yves Klein e, nel 1979, conosce Karl Lagerfeld, che gli affida il suo primo incarico professionale, dapprima per Chloe e in seguito per Chanel. Fin dai suoi inizi, collabora principalmente con Vogue Italia e Vanity Fair e brand come Dolce & Gabbana, Gianfranco Ferré, BMW, Ferrari e molti altri. Comte dedica molto del suo tempo a viaggiare in zone di conflitto per raccogliere fondi per progetti umanitari come “People and Places with Non Name”. Nel 2008, incontra Ayako Yoshida: insieme producono il loro primo lungometraggio 3D “The Girl From Nagasaki”. Attualmente Comte sta lavorando a due esposizioni personali, ovvero “Light” presso il Museo MAXXI a Roma e presso La Triennale a Milano in programma nel novembre 2017, in cui esplora l’impatto del declino ambientale sui ghiacciai e sui paesaggi glaciali del mondo.
Share:

Leave a reply